In Italy Today - Guida d'Italia
In Italy Today.com
In Italy Today.com
Regioni
Città d'Arte
Parchi
Isole
Borghi Storici
Mare




Modena - Emilia Romagna

Modena

Modena è una città storica dell'Emilia Romagna.

Città dell’Emilia Romagna, situata lungo la direttrice della via Emilia, tra i fiumi Secchia e Panaro. È sede di una università e di una rinomata e storica Accademia Militare.

Storia di Modena

Nata come antico presidio etrusco, Modena fu in seguito conquistata dai romani nel sec. III a.C. diventando l’antica Mutina, assumendo poi lo statuto di colonia nel 183 a.C.

Nel 43 a.C. vi si svolse la cosiddetta Guerra di Modena, episodio della guerra civile seguita alla morte di Cesare. L’antico impianto urbanistico regolare della città romana è ancor oggi riconoscibile nel nucleo centrale della città ed in particolare nell’attuale via Emilia che corrisponde al decumano massimo.

Decaduta al tempo delle invasioni barbariche, si riprese solo alla fine del sec. IX; fu in seguito libero comune e membro della Lega Lombarda. La parte medievale si addensa nei quartieri occidentali ed è caratterizzata urbanisticamente da strade meno regolari, spesso porticate e di larghezza variabile.

Dal sec. XIV fino all’Unità la città fu retta, salvo brevi interruzioni, dalla dinastia degli Este. Dopo un periodo di occupazione francese, tra la fine del sec. XVIII e l’inizio del XIX, fu al centro di moti insurrezionali tra cui quello sfortunato di C. Menotti (1831). Nel 1860 aderì per plebiscito allo Stato Sabaudo.

Visita di Modena

Il Duomo romanico è il simbolo della città: risale al 1099/1323 e venne progettato dall’architetto Lanfranco (il suo nome, assieme a quello dello scultore Wiligelmo, è ricordato da una targa dedicatoria inserita nel muro esterno dell’edificio). Il Duomo e le sue decorazioni sono da considerarsi fra le più alte espressioni dell’architettura e della scultura romaniche in Italia. Sia all’esterno che all’interno la struttura è austera e suggestiva. All’esterno le parti più notevoli sono la facciata, ornata da un protiro e da un grande rosone, la zona absidale poderosa e imponente, la Porta Regia e la Porta della Pescheria sui due fianchi dell’edificio. Completa il complesso il Campanile, detto La Ghirlandina, alto 88m. e dallo slanciato coronamento gotico.

Sul fianco destro del Duomo si apre la Piazza Grande su cui si affaccia l’antico Palazzo Comunale coronato da una Torre con Orologio.
I grandi viali che circondano il centro corrispondono all’antica cerchia muraria (sec. XVI).

Notevole è anche il Palazzo dei Musei (sec. XVIII), che ospita la Galleria Estense, il Museo Estense e la Biblioteca Estense (libri miniati, tra cui la Bibbia di Borso d’Este e il Breviario di Ercole I, sec. XV).

Il Palazzo Ducale (sec. XVII) è l’antica reggia degli estensi ed è uno dei più vasti edifici d’Italia. Venne costruito a partire dal 1629: è caratterizzato da un’imponente facciata, da un magnifico cortile interno e da sale affrescate di pregevole fattura. È la sede dell’Accademia Militare.

Va sottolineato che Modena oltre che città d’arte è anche la città che rappresenta due miti dell’industria italiana automobilistica, famosi in tutto il mondo: la Ferrari e la Maserati che ancor oggi vengono prodotte nelle industrie della zona.

Nei dintorni di Modena, il piccolo centro di Nonantola merita una visita per la bellissima e suggestiva Abbazia di cui oggi resta solo la chiesa.

Fondata nell’VIII sec. dai Longobardi, appartenne ai Benedettini che la portarono nel corso del medioevo a grande ricchezza e fama.
Fu un importante centro di cultura ed ebbe nel corso del 1400 una propria tipografia. La chiesa presenta forme romanico-lombarde e come si presenta oggi, risale al XII sec. Il portale è ornato da pregevoli rilievi romanici, vicini per stile a quelli del Duomo di Modena, e pregevole dal punto di vista architettonico è la parte absidale.
L’interno è austero e suggestivo. Nel Tesoro dell’Abbazia sono conservati preziosi codici miniati, pergamene e reliquiari del XI e XII sec.

Monumenti di Modena

- Visita a Nonantola

Musei di Modena

Museo Lapidario del Duomo:
in via Lanfranco n°6, sulla sinistra della Cattedrale. Conserva i pregevoli pezzi originali de decoravano la Cattedrale e asportati durante i restauri avvenuti tra Ottocento e Novecento. Si conservano materiali d’età romana e frammenti di arredo della precedente chiesa pre-romanica. Si conservano anche le otto metope medievali che decoravano i contrafforti della Cattedrale.

Museo Storico dell’Accademia Militare:
ha sede all’interno del fastoso Palazzo Ducale, una costruzione che venne iniziata nel 1630 inglobando i nuclei dell’antico castello estense. Nel Palazzo, dal 1862 c’è la sede dell’Accademia Militare. Si possono visitare le magnifiche sale di rappresentanza seicentesche. Nelle sale adibite a museo sono conservati cimeli e testimonianze del Risorgimento, della Prima Guerra Mondiale e dell’Accademia stessa. Una sala è adibita a sacrario.

Il Palazzo dei Musei:

Si trova su Largo Porta S. Agostino alla fine di via Emilia. Questa costruzione di tipo manierista in origine era il convento agostiniano, poi venne trasformato nel 1756 in Arsenale e nel 1771 venne adibito ad Albergo dei Poveri. Dal 1880, invece, ospita i principali istituti culturali (ora statali e comunali) cittadini. Il Museo Lapidario Estense, la Civica Biblioteca di Storia dell’Arte “Luigi Poletti”, l’Archivio Storico Comunale, la Biblioteca Estense, i Musei Civici, la Galleria Estense. Le collezioni della Galleria si arricchirono a seguito del lascito del Cardinale Alessandro d’Este del 1624 e poi per merito del mecenatismo di Francesco I, duca di Modena dal 1629 al 1659. Nel 1746 alcuni dipinti della collezione vennero venduti al Grande Elettore di Sassonia e ora si trovano alle Gallerie di Dresda. Sia nell’800 che nel corso del Novecento, la Galleria, che è nella sede attuale dal 1884, è stata arricchita di numerose opere attraverso lasciti, donazioni e acquisizioni. Sono rappresentati nella collezione tutti i massimi esponenti della pittura emiliana, veneta e in parte di quella fiorentina dal XIII secolo al barocco.

Eventi a Modena

-

Contatti



In Italy Today è aggiornato ogni giorno

© In Italy Today
Tutti i diritti riservati