In Italy Today - Guida d'Italia
In Italy Today.com
In Italy Today.com
Regioni
Città d'Arte
Parchi
Isole
Borghi Storici
Mare
  • Città d'arte della Sardegna
  • Cagliari
  • Sassari
  • Siti archeologici della Sardegna





Cagliari Sardegna

Cagliari

Cagliari è una città storica della Sardegna.

La città di Cagliari, d'aspetto assai moderno, è addossata a una collina tra due stagni salati.

Storia di Cagliari

Fin da epoca preistorica esistevano villaggi sui colli prospicienti il golfo di Cagliari, ma il centro vero e proprio risale a uno stanziamento fenicio del VII sec. a.C. a cui si sovrappose, infine, un nucleo urbano cartaginese.
Probabilmente municipio in età sillana, ricevette la piena cittadinanza da Giulio Cesare (Caralis o Karalis).

Sede vescovile nel IVsec. e centro di cultura cristiana nella prima metà del V sec., in seguito all'immigrazione dei vescovi d'Africa costretti all'esilio dai Vandali, occupata da questi ultimi nel 454, fu riconquistata da Giustiniano nel 534.
Successivamente fu saccheggiata da Goti e Arabi; questi ultimi si imposero con incursioni e brevi occupazioni fino all' XI sec., quando la città entrò nell'orbita delle attività delle repubbliche marinare di Genova e Pisa.
Fu dal 1258 in mano ai Pisani, che vi costruirono il celebre Castrum Kallaris (1270) e il duomo dedicato a santa Cecilia (1312). Dal 1326, dopo un'aspra lotta con Pisa, divenne possesso degli Aragonesi, fu sede del viceré e del parlamento sardo (gli stamenti). I quattro secoli di dominazione catalana e poi spagnola diedero alla città una caratteristica e profonda impronta.

Nel 1708, durante la guerra di Successione spagnola, Cagliari fu cannoneggiata dagli Inglesi e occupata da essi in nome dell'Austria, cui passò col trattato di Rastatt (1714). Quattro anni dopo, col trattato di Londra, applicato nel 1720, fu ceduta con tutta l'isola ai Savoia, conservando però gli antichi privilegi e diritti. Respinto nel 1793 un tentativo d'invasione francese, fu dal 1799 al 1815 capitale del regno di Sardegna, e residenza dei Savoia. Rimase una importante piazzaforte fino al 1862, allorché le opere difensive furono smantellate. Durante la seconda guerra mondiale fu colpita più volte da bombardamenti aerei.

Visita di Cagliari

Resti monumentali di età punica sono alcune cisterne in roccia, mentre al periodo ellenistico risale un santuario con una cavea davanti al recinto sacro. Di età romana sono l'acquedotto (I sec. d.C.), numerosi edifici, l'anfiteatro (risalente al II secolo d.C., è uno dei più notevoli edifici romani in Sardegna) e le terme.
Il materiale archeologico ritrovato nell'area della città va dalle terrecotte figurate ai bronzetti, ai vasi e alle monete, il tutto conservato presso il locale Museo Nazionale Archeologico.

Tra le principali costruzioni religiose della città, che subì nei secoli gravi distruzioni, si ricordano la chiesa dei Santi Cosma e Damiano (già San Saturnino), risalente a età paleocristiana è il più antico monumento della cristianità in Sardegna e nelle sue forme primitive ricorda anche l’architettura di tipo arabeggiante, la cattedrale Santa Maria di Castello, del XIII sec. (all’esterno conserva caratteri di architettura spagnola), rimaneggiata nel XVII (ma la facciata è stata rifatta più recentemente, nel 1933), che conserva all'interno due pulpiti formati con le parti di quello romanico, smontato per far posto a quello gotico, di Maestro Guglielmo (1159-1162), proveniente dalla cattedrale di Pisa, e la chiesa della Purissima (XVI sec.) in forme gotico-aragonesi.
I bombardamenti del 1943 distrussero quasi completamente la chiesa di San Domenico, fondata nel 1254.
Notevoli sono i resti delle fortificazioni erette dai Pisani: torre di San Pancrazio (1305), torre dell'Elefante (1307), porta dei Leoni e, fuori della cinta muraria, castello di San Michele.

Monumenti di Cagliari

Santuario ellenistico con cavea
Acquedotto romano
Chiesa dei Santi Cosma e Damiano
Torre di San Pancrazio (1305)
Torre dell'Elefante (1307)
Porta dei Leoni
Castello di San Michele

Musei di Cagliari

Galleria Comunale d’Arte: si trova alla fine di Viale Regina Elena, verso l’entrata dei giardini pubblici. La Galleria è ospitata nella palazzina neoclassica del 1828 nata per ospitare la regia polveriera. La galleria documenta i momenti culturali in ambito regionale sia per quanto riguarda la scultura che la pittura. Conserva anche una raccolta etnografica sull’artigianato sardo. La pinacoteca è particolarmente ricca di opere del Novecento. Dal 1999 la Galleria ospita anche il lascito del collezionista Francesco Ingrao con dipinti, sculture e disegni che vanno dal XIX fino a tutto il XX secolo, con particolare attenzione ai movimenti artistici italiani dalle Secessioni alla Seconda Guerra Mondiale e fino agli anni ’80.

– Cittadella dei Musei: si trova sulla piccola Piazza dell’Arsenale, sul lato opposto alla Torre di San Pancrazio. Il complesso museale risale al 1962, ma il restauro ha lasciato in luce i resti di epoca punica e romanica. Qui hanno sede il Museo Archeologico Nazionale, la Pinacoteca Nazionale, il Museo “Siamese” e altre raccolte.

– Museo Archeologico Nazionale: dal 1993 ha sede presso la Cittadella. Presenta testimonianze della civiltà sarda dalla preistoria all’epoca altomedievale. I quattro livelli dell’allestimento corrispondono a specifici settori tematici. L’esposizione è di tipo cronologico-didascalico. La collezione è ricchissima e nell’insieme rappresenta uno dei più importanti musei tematici italiani.

– La Pinacoteca Nazionale: è stata trasferita nella Cittadella dal 1992. Il primo nucleo di opere deriva dalle spoliazioni Ottocentesche dei beni ecclesiastici. Si è aggiunta poi una ricca collezione etnografica di gioielli, tessuti, arredi, ceramiche. Le raccolte della Pinacoteca coprono un periodo piuttosto ampio che va dal XV al XX secolo e, soprattutto per i secoli più antichi, presenta molte opere di scuola spagnola.

– Museo “Siamese” S. Cardu: raccoglie quasi 1300 pezzi proveniente dall’estremo oriente, tutti di altissima qualità e con particolare riferimento a porcellane, armi, monete, argenti e avori.

Eventi a Cagliari



Contatti



In Italy Today è aggiornato ogni giorno

© In Italy Today
Tutti i diritti riservati