In Italy Today - Guida d'Italia
In Italy Today.com
In Italy Today.com
Regioni
Città d'Arte
Parchi
Isole
Borghi Storici
Mare




Pistoia Toscana

Pistoia

Pistoia è una città storica della Toscana.

Pistoia

Storia di Pistoia

Stazione romana sulla via Cassia, municipio in età imperiale, occupata dai goti (sec. V), fu gastaldato longobardo (sec. VI) e quindi comitato carolingio (sec. IX). Libero comune (1107), fu conquistata da Lucca (Castruccio Castracani, 1322) e quindi da Firenze (1329) a cui appartenne sia sotto i Medici che sotto i Lorena.

Visita di Pistoia

I monumenti e le opere d’arte di cui si ornò nei periodi di maggiore sviluppo civile ed economico, danno alla città di Pistoia un aspetto nobile e austero: risalgono al XII sec. con l’affermarsi del Comune e sono caratterizzati dallo stile dell’architettura pisana, al 1300 con le maggiori costruzioni di architettura civile, e alla fine del 1400 quando l’architettura risentì maggiormente dei modelli fiorentini.

La Piazza del Duomo è il centro storico e artistico della città e presenta spiccati caratteri medievali; vi sorgono il Duomo (sec. XII-XIII), il Battistero (1338-59), l’alto campanile, l’antico Episcopio (che ospita il Museo Capitolare), i palazzi Pretorio (1367) e del Comune (1294/1385, ora sede del Museo Civico con opere toscane medievali di rara e pregevole fattura), torri e portici.

Il Duomo è in stile pisano (il portico della facciata è stato aggiunto a metà del 1300) ed è decorato esternamente con terrecotte invetriate di Andrea della Robbia (aggiunte nel 1505); all’interno, tra la presenza di un Crocifisso dipinto da Coppo di Marcovaldo (1275) e tavole quattrocentesche, spicca il Dossale di S. Iacopo: un altare in argento, opera di maestri orafi toscani iniziato nel 1287 e continuato per tutto il 1300.

Fra le altre rilevanti testimonianze vanno ricordate le chiese di S. Giovanni Fuorcivitas (sec. XII-XIII), di S. Domenico (sec. XIII), di S. Francesco (1294) e della Madonna dell’Umiltà (1494-1522), nonché il palazzo Panciatichi (sec. XIV) e l’Ospedale del Ceppo (1277, portico con decorazione di Giovanni Della Robbia, 1525) il cui nome deriva dal tronco dell’albero all’interno del quale si raccoglievano le elemosine.
Una voce a parte merita la chiesa di S. Andrea del sec. XII, con bellissima facciata di tipo pisano arricchita da un portale con antiche (1166) figurazioni allegoriche; all’interno è conservato uno dei capolavori della scultura gotica italiana e cioè il Pulpito di Giovanni Pisano eretto fra il 1298 e il 1301: le scene scolpite testimoniano già tutta la drammatica tensione tipica del gotico.

La provincia di Pistoia, un territorio esteso dal crinale dell’Appennino tosco-emiliano fino alla piana dell’Arno, passando attraverso una fascia collinare è caratteristica per il suo rinomato turismo termale (Montecatini Terme, Monsummano Terme).

Monumenti di Pistoia

Piazza del Duomo
Duomo (sec. XII-XIII)
Battistero (1338-59)
Episcopio
Palazzo Pretorio (1367)
Palazzo del Comune (1294/1385)
Chiesa di S. Giovanni Fuorcivitas (sec. XII-XIII)
Chiesa di S. Domenico (sec. XIII)
Chiesa di S. Francesco (1294)
Chiesa della Madonna dell’Umiltà (1494-1522)
Palazzo Panciatichi (sec. XIV)
Ospedale del Ceppo (1277, portico con decorazione di Giovanni Della Robbia, 1525)
Chiesa di S. Andrea (sec. XII)

Musei di Pistoia

– Percorso Archeologico e Museo Capitolare: il Percorso ha sede nell’antico Palazzo dei Vescovi a destra del Duomo (struttura medievale edificata dal XII al XIV secolo). È allestito nei sotterranei del Palazzo ed è ordinato seguendo un percorso cronologico suddiviso a sua volta per sezioni tipologiche collegate ai materiali esposti. Ci sono anche testimonianze di scavo e sono documentate le stratificazioni archeologiche del sottosuolo prima della costruzione del Palazzo. Dal pianterreno invece inizia la visita del Museo Capitolare, con reliquiari del ‘300 e del ‘400 e con la Cappella di San Niccolò del secolo XII/XIII.

– Palazzo del Comune – Museo Civico: l’altro lato della Piazza del Duomo è dominato dalla solenne architettura del Palazzo Comunale la cui costruzione ha inizio nel 1294 e proseguì fino al 1353, subendo poi ulteriori modifiche o aggiunte. Al primo piano del palazzo – dopo aver visitato le sale guelfa, ghibellina, maggiore – si accede al museo civico, riallestito nel 1982: il nucleo è costituito in gran parte dalle raccolte da istituzioni religiose provenienti dalle soppressioni del ‘700 e dell’800. La parte più cospicua è quella che riguarda la pittura su tavola dal romanico al ‘300.

– Palazzo Rospigliosi: il nome deriva da una delle famiglie più importanti della storia antica di Pistoia, ricchi mercanti medievali e poi dediti all’industria manifatturiera. La famiglia fu anche onorata dalla elezione a papa di uno dei suoi membri: papa Clemente IX. Il palazzo ospita il Museo che porta il nome della famiglia stessa (con una ricca collezione di dipinti) e il nuovo Museo Diocesano con bellissimi esempi di oreficeria sacra.

– Centro di documentazione “Marino Marini”: è sistemato nel complesso conventuale annesso alla chiesa di S.Antonio dei Frati del Tau (il nome deriva dal segno Tau in smalto celeste che i frati portavano sul mantello). Il centro conserva l’intera collezione dell’opera grafica del grande artista pistoiese, notoriamente uno dei più grandi scultori a livello mondiale per quel che riguarda il Novecento. Sono conservate anche alcune sculture, nonché acquerelli e tempere.

Eventi a Pistoia



Contatti



In Italy Today è aggiornato ogni giorno

© In Italy Today
Tutti i diritti riservati