In Italy Today - Guida d'Italia
In Italy Today.com
In Italy Today.com
Regioni
Città d'Arte
Parchi
Isole
Borghi Storici
Mare




Cutro Calabria

Cutro

Cutro è un borgo storico della Calabria.

A pochi chilomentri dalla splendida Crotone e dal Parco Nazionale della Sila si trova Cutro, in posizione panoramica sulle valli dei fiumi Tacina ed Esaro.

Storia di Cutro

Fu l'antica Kyterion, località degli Enotri menzionata dallo storico greco, Ellanico di Mitilene, vissuto nel V secolo a.C..
Venne poi assoggettata dai Greci (V sec. a.C.), dai Bruzi (IV sec. a.C.) ed infine dai Romani (III sec. a.C.).

Nel Medioevo riapparve con il nome di Cutrum (cavità del terreno o pentola). Fu possedimento dell'Impero Romano d'Oriente (VI sec.) nell'Alto Medioevo, periodo in cui arrivarono nel suo territorio monaci basiliani in fuga dalle persecuzioni iconoclaste perpetrate dall'imperatore. Attorno all'opera di questi monaci lentamente Cutro riprese a vivere dopo secoli.

Federico II di Svevia concesse molte delle terre di Cutro (1225) all'Abbazia di S. Angelo de Frigillo di Mesoraca.

Con gli Angioini divenne prima feudo degli Aversa (1294) e dopo dei De Riso e seguì politicamente le sorti della contea di Santa Severina.
Nel 1496 il re Federico d’Aragona vendette la contea di Santa Severina, e quindi anche Cutro, ad Andrea Carafa.
Nel 1551 si affrancò dall'amministrazione di Santa Severina acquisendo alcuni benefici che spinsero l'economia.

Fu la patria di Giò Leonardo Di Bona, detto il Puttino, grande giocatori di scacchi il quale, vincendo una sfida con Ruy López vescovo di Segura, rinunciò al premio chiedendo per Cutro vent'anni di esenzione dalle tasse ed il titolo di Città (1575).

Nel 1625 il feudo passò ai Ruffo, marchesi di Scilla, e quindi ai Filomarino (1659) che lo ressero fino all'abolizione della feudalità (1806).

L'8 marzo del 1832 Cutro venne rasa al suolo da un disastroso terremoto.

Visita di Cutro

Tra gli edifici di culto notevoli e suggestivi la Chiesa delle Monachelle, con portale di tufo bianco in stile rinascimentale, la Chiesa di Santa Maria della Pietà (1730), la Chiesa Madre, ricostruita dopo il terremoto del 1832, il Convento dei Frati Minori con bel campanile, che conserva al suo interno un crocefisso ligneo del XVII secolo.

Versa in abbandono la Torre e Fortino di Chirizzi (fine del ‘400).
In località S. Anna si può visitare Villa Margherita, bell'esempio di villa con giardino in stile ottocentesco.

Cutro è famosa anche per la produzione del pane.

Monumenti di Cutro

- Cattedrale dell’Annunziata (XV sec.)
- Chiesa di Santa Maria della Pietà (1730)
- Chiesa delle Monachelle o S. Chiara (XVI sec.)
- Chiesa di San Rocco (XV sec.)
- Convento dei Frati Minori
- Palazzo Santa Chiara
- Villa Margherita
- Palazzo Grisi
- Torre e Fortino di Chirizzi (fine ‘400)
- Visita a Crotone
- Parco Archeologico di Capo Colonna
- Villa romana a Casabona
- Villa Romana a S. M. Marchesato
- Parco Nazionale della Sila
- Isola di Capo Rizzuto

Musei di Cutro

-

Eventi di Cutro

- Festa del Santissimo Crocifisso a maggio
- Rievocazione della sfida di scacchi la sera del 12 agosto
Contatti



In Italy Today è aggiornato ogni giorno

© In Italy Today
Tutti i diritti riservati